Questo sito usa i cookies per darti una migliore esperienza nella navigazione.
Leggi la nostra Politica sui Cookies.

LAVORO

Imprenditoria Giovanile

La creazione di nuove imprese da parte dei giovani nelle aree economicamente svantaggiate del Paese è favorita attraverso una serie di agevolazioni finanziarie e/o tecniche in favore di particolari iniziative intraprese nei campi:

  • della produzione di beni e servizi alle imprese
  • della fornitura di servizi
  • dell'agricoltura
  • delle cooperative sociali di tipo B
  • Riferimenti Normativi

    Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185

    " Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144”

    altri riferimenti normativi: (scarica il documento in fondo alla pagina)

  • Decreto-legge del 14 marzo 2005, n. 35 "Disposizioni urgenti nell'ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale" (art. 8) coordinato con la legge di conversione del 14 maggio 2005, n. 80 (scarica il documento in fondo alla pagina)
  • Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 16 luglio 2004, n. 250 Regolamento recante criteri e modalità di concessone degli incentivi in favore dell'autoimprenditorialità, di cui al titolo I del decreto lgs. 21 aprile 2000, n. 185
  • Delibera CIPE del 14 febbraio 2002, n. 5 Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185 - Criteri e indirizzi su incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego

  • Ulteriori informazioni

    Nel sostegno all'autoimprenditorialità giovanile, Sviluppo Italia svolge un ruolo centrale con la sua opera di erogazione diretta degli incentivi, nonché di valutazione e monitoraggio dei progetti ammessi ai finanziamenti.

    Agevolazioni per la produzione di beni e servizi alle imprese

    Sono previste agevolazioni sia per la costituzione di nuove aziende che per l'ampliamento di aziende già esistenti.

    - nuove società che siano formate in maggioranza - sia numerica che di capitali - da giovani tra i 18 e i 35 anni residenti, alla data del 1° gennaio 2000 o nei sei mesi precedenti la data di ricevimento della domanda, nelle aree ammesse alle agevolazioni, dove deve trovarsi anche la sede legale, amministrativa ed operativa della nuova società

    - aziende già esistenti che:

    siano economicamente e finanziariamente sane, abbiano avviato la loro attività almeno 3 anni prima della data di ricevimento della domanda, siano in possesso dei requisiti di età e residenza dei soci e di localizzazione della sede legale, operativa e amministrativa della società alla data di ricevimento della domanda e nei due anni precedenti.

    I progetti finanziabili devono prevedere investimenti non superiori a 2.582.000 euro e riguardare i seguenti settori (salvo alcune specifiche limitazioni stabilite da disposizioni comunitarie):

    - la produzione di beni nell'industria, nell'artigianato e nell'agricoltura

    - la fornitura di servizi alle imprese

    Sono esclusi i servizi rivolti alle persone, alle amministrazioni pubbliche e le iniziative nei settori socio-sanitario, del commercio e del turismo.

    Sono previste varie tipologie di agevolazioni:

    - un mutuo agevolato e un contributo a fondo perduto per gli investimenti entro i lmiti stabiliti dall’Unione Europea

    - un contributo a fondo perduto sulle spese di gestione per il 1° triennio di attività nel rispetto della soglia de minimis, pari a 100.000 euro

    - contributi a fondo perduto, nel rispetto della soglia de minimis, per la formazione e/o l’assistenza tecnica

    Agevolazioni per la fornitura di servizi

    Sono previste agevolazioni sia per la costituzione di nuove aziende che per l'ampliamento di aziende già esistenti. Vedi sopra: Agevolazioni per la produzione di beni e servizi alle imprese

    Possono essere finanziati progetti d'impresa che prevedono investimenti fino a 516.000 euro. I progetti d'impresa possono riguardare la fornitura di servizi nei seguenti settori:

    - fruizione dei beni culturali (ad esclusione di quelli statali);

    - turismo;

    - manutenzione di opere civili e industriali (ad esclusione della manutenzione straordinaria);

    - tutela ambientale;

    - innovazione tecnologica;

    - agricoltura, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroindustriali.

    Sono previste varie tipologie di agevolazioni:

    - un mutuo agevolato e un contributo a fondo perduto per gli investimenti entro i limiti stabiliti dall’Unione Europea

    - un contributo a fondo perduto sulle spese di gestione per il 1° triennio di attività nel rispetto della soglia de minimis, pari a 100.000 euro

    - contributi a fondo perduto, nel rispetto della soglia de minimis, per la formazione

    Subentro in agricoltura

    Per favorire il ricambio generazionale in agricoltura sono previste agevolazioni per i giovani agricoltori di età compresa tra i 18 e i 39 anni, che subentrano ad un parente entro il terzo grado (genitori, fratelli/sorelle, nonni, zii) nella conduzione dell'azienda familiare.

    A lcuni dei requisiti richiesti per ottenere i finanziamenti sono:

    - l'essere imprenditori agricoli a titolo principale

    - la residenza, alla data del subentro, nelle aree ammesse alle agevolazioni alla data del subentro

    - l'ubicazione dell'azienda agricola di famiglia nei medesimi territori

    I progetti devono riguardare la produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti in agricoltura, (con alcune specifiche limitazioni stabilite da disposizioni comunitarie) comprese le attività di agriturismo (compatibili limitatamente a misure di diversificazione del reddito agricolo). Per essere finanziabili devono, inoltre, essere esercitati sotto forma di ditta individuale e perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi:

    - ridurre i costi di produzione

    - migliorare e riconvertire la produzione

    - tutelare e migliorare l'ambiente naturale, le condizioni di igiene e di benessere degli animali

    - promuovere la diversificazione delle attività agricole

    Gli investimenti previsti per migliorare, riconvertire o valorizzare l'impresa agricola esistente non devono superare 1.032.000 euro.

    Sono previste varie tipologie di agevolazioni:

    - un mutuo agevolato e un contributo a fondo perduto per gli investimenti entro i limiti stabiliti dall’Unione Europea

    - contributi a fondo perduto, nel rispetto della soglia de minimis, per formazione e assistenza tecnica

    Non sono previsti contributi per le spese di gestione. Per gli imprenditori agricoli di primo insediamento è previsto un premio unico dell'importo massimo di 25.000 euro.

    Incentivi alle cooperative sociali di tipo B

    Le cooperative sociali di tipo B sono caratterizzate dalla presenza di una quota pari ad almeno il 30% di soggetti svantaggiati (invalidi fisici, psichici e sensoriali, tossicodipendenti, alcolisti, etc.).

    Fra queste, a beneficiare delle agevolazioni sono sia nuove cooperative che cooperative già esistenti che abbiano particolari requisiti.

    - le nuove cooperative, nelle quali la componente non svantaggiata, a parte i soci svantaggiati se privi dei requisiti soggettivi dell’età e della residenza, sia composta in maggioranza sia numerica che di capitali da giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni residenti nei territori di applicazione della legge alla data del 1° gennaio 2000 oppure nei 6 mesi precedenti alla data di ricevimento della domanda.

    - le cooperative già esistenti ed operative.

    In entrambi i casi i soggetti interessati devono essere residenti nei territori di applicazione della legge alla data del 1° gennaio 2000 oppure nei 6 mesi precedenti alla data di ricevimento della domanda.

    Sono ammissibili iniziative nei settori:

    - produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato

    - fornitura di servizi alle imprese.

    Sono esclusi i servizi alle persone e alle amministrazioni pubbliche, le attività socio-sanitarie e le attività di commercio e turismo.

    Gli investimenti previsti non possono superare i 516.000 euro per le nuove cooperative e i 258.000 euro per le cooperative già avviate.

    Sono previste varie tipologie di agevolazioni:

    - un mutuo agevolato e un contributo a fondo perduto per gli investimenti entro i limiti stabiliti dall’Unione Europea

    - un contributo a fondo perduto sulle spese di gestione per il 1° triennio di attività nel rispetto della soglia de minimis, pari a 100.000 euro

    - contributi a fondo perduto, nel rispetto della soglia de minimis, per la formazione e/o l’assistenza tecnica

    Fonte: www.welfare.gov.it

    Per ulteriori approfondimenti

    Numero Verde di Sviluppo Italia 848.886.886 Lunedì – Venerdì dalle 9.00 alle 18.00

    Numero Verde del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 800.196.196

    Links utili

    www.welfare.gov.it/EuropaLavoro/Cittadini/FareImpr...

    www.bicliguria.org


    Area Download

    dlgs21aprile2000n185___20140415_153840.pdf

    altri riferimenti normativi

    legge80del2005___20140415_153841.pdf

    Decreto-legge del 14 marzo 2005, n. 35