Questo sito usa i cookies per darti una migliore esperienza nella navigazione.
Leggi la nostra Politica sui Cookies.

LAVORO

Franchising

Il franchising può rappresentare una interessante opportunità per chi vuole mettersi in proprio ma non vuole partire da zero, preferendo affiliare la propria impresa ad un marchio già affermato.

Il franchising (o affiliazione) è un accordo col quale un imprenditore, detto franchisor (o affiliante), concede a un altro imprenditore, franchisee (o affiliato), verso corrispettivo, il diritto di esercitare un’attività di commercializzazione di prodotti o servizi, attraverso l’uso del know-how, del marchio e dell’insegna che identificano la rete commerciale del franchisor.

Riferimenti Normativi

Legge 6 maggio 2004, n. 129

"Norme per la disciplina dell’affiliazione commerciale"

pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 120 del 24 maggio 2004

altri riferimenti normativi:

  • Decreto-legge del 14 marzo 2005, n. 35 "Disposizioni urgenti nell'ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale" (art. 8) coordinato con la legge di conversione del 14 maggio 2005, n. 80
  • Delibera CIPE del 25 luglio 2003 n. 27 Aggiornamento, ai sensi dell'art. 61, comma 5, della legge n. 289/2002, dei criteri e delle modalita' di attuazione delle misure di autoimpiego (titolo II del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185)
  • Delibera CIPE del 14 febbraio 2002, n. 5 Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185 - Criteri e indirizzi su incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego
  • Decreto del Ministero del Tesoro del Bilancio e della Programmazione Economica del 28 maggio 2001, n. 295 Regolamento recante criteri e modalita' di concessione degli incentivi a favore dell'autoimpiego
  • Decreto Legislativo del 21 aprile 2000 n. 185 Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144

  • Ulteriori informazioni

    Particolari agevolazioni sono previste per iniziative di affiliazione con uno dei franchisor convenzionati con Sviluppo Italia.

    Destinatari delle agevolazioni per il lavoro autonomo sono persone fisiche o società di nuova costituzione

    che intendono avviare un'attività imprenditoriale in franchising, in forma rispettivamente di ditta individuale

    o di società di persone o di capitali. Sono escluse le cooperative e le società di fatto.

    Il titolare della ditta individuale (ovvero il 50% dei soci nel caso di società) deve possedere i seguenti requisiti:

    - maggiore età alla data di presentazione della domanda

    - non occupazione alla data di presentazione della domanda

    - residenza, alla data del 1° gennaio 2000, o nei 6 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, nelle aree ammesse alle agevolazioni, dove deve anche trovarsi la sede legale e operativa dell'iniziativa

    Sono agevolate le attività di commercializzazione dei beni e fornitura dei servizi, ad esclusione di attività relative a:

    - produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli

    - trasporti di merci o di persone oltre le 9 unità

    - settori esclusi dal CIPE o da disposizioni comunitarie

    Sono previste varie tipologie di agevolazioni:

    - un contributo a fondo perduto e un mutuo a tasso agevolato per gli investimenti

    - un contributo a fondo perduto sulle spese di gestione per il 1° anno di attività

    Le agevolazioni finanziarie non possono superare complessivamente il limite del "de minimis" pari a 100.000 €

    Fonte: www.welfare.gov.it

    Per ulteriori approfondimenti

    Numero Verde di Sviluppo Italia 848.886.886 Lunedì – Venerdì dalle 9.00 alle 18.00

    Numero Verde del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 800.196.196 Lun. – Ven. 9.00 -20.00

    Links utili

    www.bicliguria.org


    Area Download

    legge_6_maggio_2004_n___20140407_101854.pdf

    Legge 6 maggio 2004, n. 129